Il Libro di Krsna

16,00

Krsna book of Srila Prabhupada in italian language – in 2 parts.

SKU: ITA-KB Category:

Description

Davanti alla copertina di un’opera come Il Libro di Krishna, l’immediata reazione di un occidentale sarà quella di chiedersi: ‘Chi è Krishna? E quella ragazza accanto a Lui?’

Krishna è Dio, la Persona Suprema. Come si può affermare ciò? Perché la Persona di Krishna corrisponde nei minimi particolari alle descrizioni dell’Essere supremo, Dio. In altre parole, Krishna, è Dio perché è infinitamente affascinante. Se non includesse questa caratteristica, la parola di Dio perderebbe ogni significato. E che cosa rende un essere infinitamente affascinante? Prima di tutto la ricchezza: una grande fortuna attira sempre. E altrettanto attira la potenza, la fama, la bellezza, la saggezza, il distacco da tutto. Questi attributi rendono affascinante colui che li possiede. Così, la nostra esperienza ci dice che il fascino viene dalla 1) ricchezza, 2) potenza, 3) fama, 4) bellezza, 5) saggezza e 6) rinuncia. Colui che possiede contemporaneamente tutte queste perfezioni, e le possiede all’infinito, è considerato Dio, la Persona Suprema, infinitamente affascinante. Parasara Muni, grande autorità in materia di conoscenza vedica, descrive queste perfezioni nei suoi insegnamenti.

Abbiamo conosciuto uomini ricchi, potenti, celebri, belli, eruditi o distaccati dai beni materiali (sannyasi); mai, però, nella storia abbiamo sentito parlare di qualcuno che sia stato allo stesso tempo infinitamente ricco, potente, celebre, bello, saggio e distaccato, come Krishna. Krishna, Dio, la Persona Suprema, è un personaggio storico, apparso 5.000 anni fa sulla Terra, dove rimase per 125 anni interpretando la parte di un essere umano. Ma i Suoi atti sono senza uguali: dal momento della Sua apparizione fino a quello della Sua scomparsa ogni Suo atto è rimasto unico nella storia del mondo. Chiunque comprenda ciò che intendiamo col termine Dio, accetterà Krishna come la Persona Suprema, Dio stesso. Nessuno è uguale a Dio e nessuno Gli è superiore. Questo è il significato del famoso detto: ‘Dio è grande.’

Molti uomini parlano di Dio e in modi diversi, ma le Scritture vediche e i grandi acarya di tutti i tempi ‘coloro che sono esperti nella conoscenza di Dio e sono riconosciuti come autorevoli in materia, quali Sankara, Ramanuja, Madhva, Visnusvami, Sri Caitanya Mahaprabhu e i maestri che sono succeduti a loro’ sono d’accordo nell’affermare che Krishna è Dio, la Persona Suprema. Quanto a noi, che viviamo sull’esempio della civiltà vedica, accettiamo la Storia dell’universo rivelata dalle Scritture vediche. L’universo è diviso in numerosi sistemi planetari: superiori, detti Svargaloka; intermedi, o Martyaloka; e inferiori, o Patalaloka. Gli scienziati moderni non possono presentare nessuna prova storica di avvenimenti accaduti più di 5.000 anni fa e gli antropologi affermano che 40.000 anni fa l’homo sapiens non era ancora comparso sul nostro pianeta perché non era stato ancora raggiunto un sufficiente grado di evoluzione. Ma la Storia vedica, presentava nei Purana e nel Mahabharata, narra fatti umani che risalgono a milioni e miliardi di anni addietro.

Queste Scritture riportano anche la storia di apparizioni e scomparse di Krishna avvenute milioni e miliardi di anni fa. Nel quarto capitolo della Bhagavad-gita Krishna insegna ad Arjuna che entrambi conobbero nel passato numerose esistenze, di cui Lui può ricordarsi, ma Arjuna no. Questa è la differenza tra il sapere di Krishna e quello di Arjuna. Arjuna era un grandissimo guerriero e un membro erudito della dinastia Kuru, ma pur sempre un essere umano; mentre Krishna, la Persona Suprema, possiede un sapere infinito, e poiché il Suo sapere è illimitato anche la Sua memoria non conosce limiti.

Il sapere di Krishna è così perfetto che Gli permette di ricordare nei particolari le Sue apparizioni avvenute milioni e miliardi di anni prima, mentre la memoria e il sapere di Arjuna, umani, sono limitati da tempo e spazio. Il quarto capitolo della Bhagavd-gita mostra come Krishna possa ricordarSi dei tempi in cui istruiva Vivasvan, il deva del sole, nella scienza della Bhagavad-gita, alcuni milioni di anni prima.

Oggi è di moda tra gli atei voler identificarsi con Dio attraverso qualche metodo mistico; pretesa, questa, che si fonda di solito su fantasticherie o su prodezze nel campo della meditazione. Ma Krishna non è un Dio del genere. Egli non ‘diventa’ Dio inventando un tipo di meditazione o sottoponendoSi alle severe austerità degli esercizi di yoga fisico. Per la precisione, Egli non diventa mai Dio perché in tutte le circostanze è e rimane Dio.

Nella prigione dove Kamsa, lo zio materno, teneva prigionieri Suo padre e Sua madre, Krishna, uscendo dal grembo materno, Si manifestò nella forma di Visnu-Narayana, a quattro braccia. Poi Si trasformò in un neonato e chiese a Suo padre di portarLo a casa di Nanda Maharaja e Yasoda, sua sposa. Krishna era ancora un neonato quando la mostruosa Putana tentò di ucciderLo, ma succhiando il latte dal suo seno Egli aspirò anche il suo soffio vitale. Questa è la differenza tra il vero Dio e un Dio creato di tutto punto nella fabbrica del misticismo. Certamente Krishna non aveva ancora avuto il tempo di praticare qualche yoga, ma già manifestava tutte le caratteristiche di Dio, la Persona Suprema; e fu così a ogni tappa della Sua permanenza sulla Terra, da neonato a bambino, da bambino ad adolescente, da adolescente a ragazzo. Il Libro di Krishna si propone di descrivere i divertimenti che Egli rivelò nel Suo ruolo di essere umano, perché Krishna Si diverte come un essere umano pur rimanendo sempre Dio, la Persona Suprema.

Poiché Krishna è infinitamente affascinante, ognuno deve prendere coscienza della necessità di orientare verso di Lui ogni desiderio. La Bhagavad-gita c’insegna che l’individuo è maestro e proprietario del proprio corpo, ma Krishna, che è l’Anima Suprema situata nel cuore di ciascuno, rappresenta il maestro e il proprietario supremo di tutti i corpi. Così, se dirigiamo verso Krishna, e soltanto verso di Lui, la nostra tendenza ad amare, subito l’amore universale si affermerà insieme con l’unità e la pace. Se si annaffia la radice di un albero, si nutriranno contemporaneamente i rami, le foglie, i germogli e i fiori. Se si alimenta lo stomaco attraverso la bocca tutte le vaie parti del corpo saranno soddisfatte.

L’arte di concentrare la propria attenzione sull’Essere Supremo e di offrirGli il proprio amore è detta coscienza di Krishna. Noi abbiamo fondato il Movimento per la Coscienza di Krishna affinché tutti possano soddisfare la naturale tendenza ad amare gli altri semplicemente volgendo il proprio amore verso Krishna. Tutto il mondo è impaziente di appagare questo desiderio di amare ora assopito in noi, ma i diversi sistemi creati a questo fine ‘socialismo, comunismo, altruismo, filantropia, nazionalismo, ecc.’ si rilevano tutti vani e causa di frustrazione, perché lasciano l’uomo del tutto ignorante sull’arte di amare Krishna. E’ credenza comune che la felicità si ottenga prodigandosi per la causa dei princìpi morali e dei riti religiosi, mentre altri sono convinti che la felicità dipenda dalla ricchezza o da piacere dei sensi. La verità è che nessuno può essere felice se non ama Krishna.

Krishna può ricambiare perfettamente l’amore che Gli è offerto nella forma di differenti relazioni dette rasa, o sentimenti di dolcezza, che esistono in dodici differenti forme. Si potrà amare Krishna come il supremo ignoto, il supremo maestro, il supremo amico, il supremo figlio o il supremo amante. Questi sono i cinque rasa fondamentali. Si potrà poi amare Krishna anche in modo indiretto, in altre sette relazioni, che apparentemente differiscono dalle prime cinque. Comunque, sarà sufficiente riporre in Krishna la propria tendenza ad amare perché la nostra vita conosca il successo. Non si tratta di una creazione della fantasia o di una speranza, bensì di una realtà verificabile con la pratica, perché ogni persona può avvertire direttamente gli effetti che l’amore per Krishna ha sulla propria vita.

Nel nono capitolo della Bhagavad-gita, la scienza della coscienza di Krishna è definita come il re del sapere, il segreto tra i segreti e la suprema scienza della realizzazione spirituale, di cui possiamo gustare direttamente i frutti, perché la sua applicazione è molto facile e gioiosa. Qualunque sia l’ampiezza degli atti che dedichiamo alla coscienza di Krishna, questi atti diventano un patrimonio eterno nella nostra esistenza perché non si cancellano in nessuna circostanza. Lo dimostra il fatto che la giovane generazione dei Paesi occidentali, confusa e frustrata, ha potuto sentire direttamente l’effetto di orientare la propria tendenza ad amare verso Krishna, e Krishna soltanto.

Se un uomo pratica severe austerità e dure ascesi, se compie numerosi sacrifici, ma non riesce a risvegliare il proprio amore latente per Krishna, le sue ascesi saranno state inutili. D’altra parte, perché colui che ha risvegliato questo amore dovrebbe sottoporsi a vane austerità?

Il Movimento per la Coscienza di Krishna è il meraviglioso dono di Sri Caitanya Mahaprabhu alle anime degradate di quest’epoca. E’ un metodo molto semplice, introdotto in Occidente alcuni anni fa e i cui risultati non lasciano ombra di dubbio: questo Movimento è in grado di soddisfare la tendenza di tutti gli uomini ad amare, e Il Libro di Krishna contribuirà a estendere l’opera di questo Movimento per la Coscienza di Krishna in Occidente. A tutti piace spendere tempo ed energia nella lettura di libri di fantasia, ma leggendo quest’opera questa tendenza può essere diretta verso Krishna e il risultato sarà l’eterna soddisfazione dell’anima, sia a livello individuale che collettivo.

La Bhagavad-gita afferma che anche il minimo passo compiuto sulla via della coscienza di Krishna può salvarci dalla peggiore paura. Si possono citare centinaia e migliaia di casi di persone scampate ai più gravi pericoli grazie a un piccolo progresso nella coscienza di Krishna. Perciò noi chiediamo a tutti di trarre profitto da questo grande libro spirituale. Il lettore vi scoprirà, pagina dopo pagina, un favoloso tesoro d’arte, di scienza, di letteratura, di filosofia, di spiritualità e infine, grazie alla semplice lettura di quest’opera, sboccerà in lui l’amore per Dio.

Hare Krishna

A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada

Additional information

Weight 1.0500 kg
Author

ISBN

Published date

Publisher

Specs

version

Reviews

There are no reviews yet.

Only logged in customers who have purchased this product may leave a review.

You may also like…